Notice: Undefined index: path in /home/savageblender/public_html/wp-includes/canonical.php on line 465
Si alla Prevenzione - savageblender

Si alla Prevenzione

savageblender / Medicine  / Si alla Prevenzione
19 Dic

Si alla Prevenzione

Un buon proposito per l’anno nuovo.

Con circa 50.000 nuovi casi all’anno in Italia, il tumore al seno è considerato il tumore più frequente tra le donne ma, grazie ai progressi della medicina, ad oggi è possibile diagnosticare questa malattia in fase molto precoce, consentendo terapie tempestive.
I fattori di rischio per questo tumore sono molteplici: tra questi rientrano l’età (la maggior parte dei tumori al seno colpisce perlopiù dopo i 40 anni) e i fattori genetici. Le mutazioni genetiche dei geni BRCA1 e 2 infatti, sono fra i maggiori responsabili dei tumori del seno in giovane età. Oltre a ciò, è necessario non trascurare lo stile di vita: sedentarietà, fumo, alcol, grassi animali e scarse verdura nella dieta sono i migliori amici di questo brutto male. In più, occorre fare attenzione anche alla nostra attività sessuale, perché esistono dei fattori protettivi di cui è bene essere informati per ridurre il rischio di patologie tumorali: stiamo parlando di un periodo fertile breve (menarca tardivo e menopausa precoce) delle gravidanze in giovanissima età e dell’allattamento.
Ma quali sono le strategie da mettere in atto per una diagnosi precoce? La parola chiave è autopalpazione. A patire dai 20 anni è buona abitudine palpare mensilmente il seno tra il settimo e il quattordicesimo giorno del ciclo. E’ importante rispettare queste tempistiche perché la struttura del seno varia in base ai cambiamenti ormonali mensili e questo potrebbe portare ad allarmismi infondati. E’ poi indispensabile sottoporsi annualmente a controlli senologici dal ginecologo o da un senologo, sostenendo test strumentali come la mammografia e l’ecografia. La mammografia è indicata con cadenza biennale a partire dai 40 anni, mentre l’ecografia è indicata per i soggetti più giovani. Ricordiamo infine che, le pazienti ad alto rischio familiare o portatrici della mutazione BRCA, dovrebbero iniziare i controlli precocemente (all’età di circa 25 anni) affiancando alla mammografia altri esami strumentali come la risonanza magnetica mammaria.
Buon anno e buona prevenzione a tutti!
Editor Filippo Sanna CopyrigHt Angela Ceccherini
Edoardo
No Comments

Rispondi