Master Carmelo Grassi & BBGlow

savageblender / Beauty  / Master Carmelo Grassi & BBGlow
29 Mar

Master Carmelo Grassi & BBGlow

Di Federica Spaccialbelli Design Mattia Giovannelli

Interview Master Carmelo Grassi

1-   Carmelo vuoi parlarci un po’ di te? Come ti è venuta questa passione? Quanti anni sono che operi in questo settore?

Vedi Federica, forse ti sembrerà strano ma non ho la classica storia da raccontarti. Da piccolo non avevo alcuna passione per l’arte o la pittura, odiavo colorare: tutte quelle regole di linee, di contorni da riempire e di sfumature precise con i pastelli … i miei disegni da bambino erano davvero brutti e non ho mai guardato la mia mamma truccarsi! È stato un vero e proprio colpo di fulmine: a ventun’ anni sono venuto per la prima volta a Milano, ho assistito alla mia prima sfilata e ho avuto la fortuna di entrare in un vero backstage dove ho visto i professionisti all’opera e da lì è scoppiata la scintilla. Sono passati circa 15 anni da quel giorno e devo dirti che la mia passione nell’ultimo anno ha subito una vera e propria impennata.

2-    Tu nasci come make up artist. Come ti sei avvicinato al mondo del trucco permanente?

Per caso, chiamiamola coincidenza o forse destino. Accompagnavo la mia migliore amica in un centro estetico e mentre aspettavo che finisse il suo trattamento sono rimasto letteralmente affascinato dai lavori di microblading che la titolare del centro mostrava ad una sua cliente. Penso di averla riempita di domande. Le sopracciglia sono sempre state la mia passione e finalmente conoscevo uno metodo nuovo ed estremamente valido per tatuarle, ben lontano da quegli antiestetici risultati che avevo visto prima di allora sul viso di tante donne che ho truccato.

3-   Carmelo tu che consiglio daresti ai ragazzi che vogliono intraprendere il tuo stesso percorso? Quali sono le capacità e le caratteristiche imprescindibili per affrontare questo lavoro?

C’è una parola bellissima che ho scoperto da poco, tutti la conosciamo ma quasi nessuno ne comprende il significato. L’entusiasmo, dal greco “en” dentro e “theos” dio. il dio dentro. È una delle mie parole preferite in assoluto. È il risvegliarsi di una forza estremamente profonda e potente per cui non c’è meta che non sia a portata di mano, non ostacolo che non possa essere abbattuto. È lo stato d’animo attivo, che ci porta ad essere sorridenti e centrati e che ci apre l’infinita realizzabilità dei sogni. Per questo il mio consiglio è di non arrendersi, di non smettere mai di studiare, di mettersi in gioco, di individuare i propri limiti e di provare a superarli uno ad uno, di “Entusiasmarci” per tutto quello che facciamo. In merito alle capacità e alle caratteristiche per affrontare questo lavoro forse anche in questo ti sembrerò strano. Nel mio lavoro non esiste il talento, non esiste alcuna dote innata. Nasciamo tutti uguali. Si tratta solo di lavorare duro e di rialzarsi ogni volta che si cade. Esiste la passione, la determinazione, la perseveranza nel tempo. Non esiste il talento, si tratta di una vera e propria ossessione.

4-   Quali sono le nuove tendenze make up per la prossima stagione primavera estate?

La primavera estate 2019 si prevede estremamente intensa e calda, pertanto vedrà come protagonisti i grandi classici, come l’eyeliner, gli ombretti marroni e il rossetto rosso. Il vero focus resta la pelle: l’incarnato dovrà essere uniforme ma allo stesso tempo estremamente trasparente e luminoso. Gli zigomi scolpiti grazie al contouring ed evidenziati da blush corallo o rosa salmone, utilizzato in grande quantità ma ben sfumato, e risaltati da bellissimi punti luce. Il mio consiglio è di provare quelli in crema, facili da stendere e dalla resa impeccabile. Per un effetto estremamente naturale utilizzeremo la stessa tecnica sugli occhi e riscalderemo tutto con un tocco di oro, immancabile nella stagione estiva per ricreare l’effetto “sun kissed”. Per il trucco serale, invece, che entrano in gioco i marroni opachi, testa di moro o black-brown, abbinati a bronzi e bronzi rosati satinati e super perlati. Immancabile un tocco di kajal rigorosamente nero. Il gioco è fatto!

5-   Cambiamo argomento. So che sei spesso fuori per lavoro e ora che sei diventato anche Master gli impegni si sono triplicati. Rimane un po’ di tempo per la vita1 privata? Ti sei mai pentito della scelta che hai fatto?

Vivo sempre sia il lavoro che l’amore con estrema passione e non ti nascondo che spesso è difficile conciliare le due cose. Mi ero ripromesso di rallentare e invece adesso sono nell’occhio del ciclone. L’importante è ritagliarsi il tempo per riscoprirsi tutte le volte. Credo molto nell’intimità e andare via insieme qualche giorno senza lasciare tracce si dimostra sempre un’ottima soluzione! Le mie scelte lavorative degli ultimi due anni mi hanno davvero forgiato e reso molto più sicuro e forte e tutto questo si è tradotto in una vita privata molto più tranquilla, di qualità e di valori.

6-   Carmelo ultima domanda. Qual è il tuo sogno nel cassetto? Quali sono le tue più grandi passioni oltre quelle legate al tuo lavoro?

Hai lasciato per ultima la domanda più difficile. Ho un cassetto pieno di sogni. La famiglia è di sicuro il sogno più grande e importante in questo momento della mia vita. Amo i bambini, sono affascinato dal loro modo di parlare, di vivere, di relazionarsi e di risolvere i problemi. Sono sicuro che da grande farò qualcosa per i bambini che hanno smesso di sorridere. E amo viaggiare, conoscere e scoprire persone, storia e luoghi. Mi libera la mente, mi ricarica. Mi entusiasma!

 

Edoardo
No Comments

Rispondi