Fashion Icons

savageblender / Fashion  / Fashion Icons
19 Giu

Fashion Icons

Il primo focus sulle icone della moda sul nostro magazine  è dedicato ad una borsa icona per eccellenza : la Speedy di Louis Vuitton.

Tutti noi abbiamo una versione del “bauletto” in casa , che sia la versione da tutti i giorni , Speedy, oppure la versione da viaggio , Keepall, nei nostri armadi è custodita gelosamente questa icona celebre della Maison francese; che sia in classico monogramma , in tela damier oppure in pelle pregiata la speedy continua a stregare milioni di donne da generazioni. Nata negli anni 30, è inizialmente pensata come versione ridotta della sacca Keepall con cui Louis Vuitton sbarca nel mondo della valigeria. Parliamo del primo pezzo nella storia a essere sia ripiegabile che impermeabile. Una vera e propria rivoluzione. 

 

 

 

Dai primi viaggi in auto alle lunghe tratte in treno, tutte le signore e signorine più eleganti dei primi del 900 scelgono Louis Vuitton e le sue borse di classe. La tela monogram, la più riconosciuta su larga scala – parliamo di quella che viene spesso scambiata, erroneamente, per pelle -, è stata pensata appositamente per il bauletto, il quale viene realizzato esattamente come lo conosciamo oggi nel 1859.Inizialmente il nome previsto non è Speedy ma Express, viene cambiato in corsa per sottolineare il nuovo modo di viaggiare della società, sempre più veloce e orientato verso il futuro.Da molti è riconosciuto anche come Vernet, in omaggio a una strada adiacente alla casa di Monsieur Louis Vuitton, a Parigi. Il successo su scala globale arriva negli anni 60 quando il bauletto diventa la borsa da viaggio per eccellenza, il modello a cui ispirarsi, l’accessorio da avere. Una giovane Audrey Hepburnse ne innamora perdutamente e nel 65 richiede al brand una versione personalizzata, leggermente più piccola di quella in commercio ai tempi (30 centimetri). Nasce così il modello più ridotto, lo Speedy 25.

Dopo questo viaggio nel meraviglioso mondo delle Speedy vi sfidiamo ad andare negli armadi di casa e a scovare un classico modello in monogramma piuttosto che un modello personalizzato se non una limited edition. Siamo convinti che questa borsa continuerà ad affascinare  generazioni di donne e di fashion victim di ogni angolo del mondo

 

SuperVisor Ginevra Tahabata Dall’Olmo Graphic Designer Elia Manta

Edoardo
No Comments

Rispondi