Asparagi che Passione!

savageblender / Food  / Asparagi che Passione!
5 Giu

Asparagi che Passione!

Tra gli ortaggi tipici del periodo ancora primaverile per FOOD Giugno, ho scelto di portarvi nel mondo dei particolarissimi e versatili Asparagi! Un fiore bluastro stupendo, una forma davvero divertente e particolare, un gusto delicato e inconfondibile adatto in frittate, nei primi, come contorno semplicemente scottati e in insalata con le deliziose Fragole( che adoriamo e di cui vi parlo sempre su Food in questo mese), mescolati in una semplice ciotola insieme a frutta e petali di fiori commestibili. Come ricorda un altro sito bio e green che amo , greenme appunto

L’Italia, insieme alla Francia ed alla Germania, ne è uno dei maggiori produttori a livello europeo. Scegliere di consumare asparagi significa dare la propria preferenza ad alimenti locali e di stagione, oltre che ricchi di proprietà benefiche utili a proteggere il nostro organismo dalle malattie.”

 

La composizione chimica dell’asparago è la seguente:

Alcuni dei componenti dell’asparago vengono assorbiti dal metabolismo ma ovviamente espulsi tramite urina, dando un tipico e forte odore, da alcuni ritenuto sgradevole e causato da alcune percentuali di zolfo. L’odore tipico viene però prodotto e/o percepito solo dal 40% della popolazione. Tra le specie e coltivazioni presentate IGP in Italia ricordiamo:

Ma in cucina, quali sono le specie migliori da utilizzare e come possiamo impiegare questo elisir di vitamine, Sali minerali e puro benessere!??

Molti siti, chef, cuochi appassionati, ricette di famiglia, riviste e ricettari li propongono in tutte le varianti. Il miglior accostamento spesso è fatto con le uova. Ma eccovi pochi e semplici suggerimenti per gustarne al meglio proprietà e qualità fondamentali, innanzitutto và sempre lessato in acqua salata o cotto al vapore.

Ancora da Wiki leggiamo che…

Il gusto dell’asparago evoca il sapore del carciofo; quando è fresco ha un sentore di spiga di grano matura, in particolare si distinguono:

  •  L’asparago bianco, che germogliando interamente sotto terra (e quindi in assenza di luce) ha un sapore delicato.
  • L’asparago violetto, dal sapore molto fruttato, è in realtà un asparago bianco che riesce a fuoriuscire dal suo sito e, vedendo la luce,quindi a sua volta attuando la fotosintesi,acquista un colore lilla abbastanza uniforme. Ha un leggero gusto amaro.
  • L’asparago verde che germoglia alla luce del sole come quello violetto, ha però un sapore marcato e il suo germoglio possiede un gusto dolciastro. È il solo asparago che non ha bisogno di essere pelato.

In cucina si utilizzano germogli verdi o bianchi: gli steli dovrebbero essere duri, flessibili, resistenti alla rottura, dello stesso spessore e con le punte ancora chiuse, la base deve essere mantenuta umida, per mantenere il prodotto fresco.

Per la preparazione, occorre tagliare le estremità legnose dell’asparago e, a seconda della tipologia, togliere eventualmente la pelle bianca fino a 4 cm sotto il germoglio od oltre nel caso di asparagi vecchi o particolarmente grandi. I cuochi più esigenti prima della cottura li immergono in acqua gelida e talvolta la pelle viene aggiunta all’acqua di cottura e rimossa solo alla fine poiché ciò, secondo alcuni, ne preserverebbe il gusto.

Tra i tanti suggerimenti letti e scovati e provati direttamente da me, non posso non segnalarvi i seguenti, per i neofiti e coloro che in cucina si ritengono tra i più negati…

  • Parmigiana di asparagi con formaggi al forno
  • Risotto asparagi , robiola e acetosella
  • Farfalline asparagi, gamberi e speck
  • Crespelle di asparagi e formaggi
  • Asaparagi in lasagna e salmone
  • Frittata di asparagi e uova con tartufo
  • Asparagi e tonno in insalata
  • Insalata di fragole, mela, asparagi,lattuga ed erbe di campo

Buon Appetito!

Editor Eleonora M. I. LePera Graphic Designer Elia Manta

Edoardo
No Comments

Rispondi