Blue Monday

savageblender / Psychology  / Blue Monday
14 Gen

Blue Monday

”Il giorno più nero dell’anno”

Oggi 15 gennaio, nonché terzo lunedì del mese di Gennaio, cade il famoso Blue Monday!

Il “Lunedì Blu” è un termine coniato nel lontano 2005 da uno psicologo americano, il cui scopo era quello di individuare quale fosse il giorno più deprimente dell’anno. Ovviamente era una domanda impossibile, in quanto non scientificamente provabile, ma tramite equazioni arbitrarie e con unità di misura non specificate (insomma praticamente a caso!), lo psicologo Cliff Arnall giunse a definire che il Blue Monday dovesse coincidere col terzo lunedì di gennaio.

Ora, sul perché il giorno più triste dovesse essere proprio un lunedì, c’è poco da stupirsi: questo giorno decreta infatti l’inizio della settimana, il weekend sembra lontanissimo e la sveglia incombe su di noi già a partire dalla domenica sera. Quel che ci appare meno lampante, invece, è il perché del terzo lunedì di Gennaio. A questo proposito, Arnall ipotizzava che in questo periodo, lontano ormai dalle festività natalizie, dal Capodanno e dall’Epifania, un individuo tendesse a sentirsi estremamente malinconico.
Un nuovo anno è infatti iniziato e (come è normale che sia) tutto è identico all’anno precedente: non siamo scossi da nessun magico cambiamento o da nessuna buona nuova e le nostre aspettative di miglioramento sono frustrate e ci attanaglia il pensiero che le prossime ferie sono lontane. Aggiungiamo che fa freddo, abbiamo speso diversi soldi per regali e viaggetti fuoriporta ed ora dobbiamo tornare a risparmiare; contro di noi si mette pure il cielo, che si fa scuro scuro già nel primo pomeriggio, coprendo quel poco sole che resiste con la pioggia o con la neve.
Queste condizioni contribuiscono senza dubbio a deprimere l’essere umano!

Tornando a noi, possiamo aggiungere che se a livello psicologico questo discorso si rivelò di scarso interesse scientifico, trovò invece molta considerazione nel campo del marketing e delle agenzie di viaggio.  Il concetto di questo giorno deprimente non sfuggì certo alle campagne pubblicitarie dei più svariati settori commerciali che, a poco a poco, nel tentativo di rincuorare i depressi consumatori d’America (e non solo), proposero sconti speciali o offerte sensazionali, sfruttando le emozioni negative per accattivare i clienti con lo shopping!

Un’invenzione fittizia poco motivata insomma, ma che ha preso piede e ormai impera nell’uso comune!

Ma qual è la ragione del colore Blu?

Ebbene, se in Italia i colori della tristezza e della negatività sono, in assoluto, il nero o il grigio, in America è il Blu ad essere simbolo di malumore e depressione: la spiegazione deriva forse da quelle antiche storie per bambini in cui la tristezza era causata dai “Blue Demons”, o dal colore blu della bandiera issata dai marinai in segno di lutto quando un amico moriva in mare.

Da sempre, in America, cose riguardanti tristezza e dolore sono Blu: così appunto il Blue Monday, la Blue Whale(fenomeno di massa che istiga al suicidio e alla sofferenza), o anche la simpatica “Tristezza” di Inside Out, film Pixar sulle emozioni.

Perciò, cari lettori, buon Lunedì Blu! State sereni!

Editor & Graphic Niccolò Fallani Graphic Designer Federica Narducci

Edoardo
No Comments

Rispondi