Lo Studio Della Mente

savageblender / Psychology  / Lo Studio Della Mente
12 Dic

Lo Studio Della Mente

Partendo dall’etimologia, ossia dal significato stesso della parola, scopriamo che il termine psicologia deriva dall’unione delle parole greche psyché (anima, spirito) e logos (studio, discorso); questa disciplina è dunque legata allo studio dell’anima, dell’interiorità e, di conseguenza, della mente.

Fin qui tutto bene, ma come si può descriverla precisamente? È possibile definirla scienza? Ebbene, la psicologia esiste da quando esiste l’essere umano. Generalmente, si indica come la materia che, basandosi sulle interazioni sociali, studia il comportamento degli individui, i loro pensieri e le loro emozioni tramite l’analisi dei processi psichici, mentali e cognitivi nelle loro componenti consce e inconsce (cioè sia di quelle azioni di cui si ha consapevolezza, sia quelle istintuali). Fu solo nella seconda metà dell’Ottocento che la Psicologia iniziò ad essere concepita come scienza, poiché si cominciò a studiarla in modo scientifico. La grande difficoltà nell’accettarla come materia scientifica dipendeva dal fatto che non analizza concetti fisici e materiali direttamente osservabili: essa si occupa infatti di emozioni, di sensazioni e di processi complessi che vengono influenzati da milioni di variabili e da definiti costrutti mentali, fisicamente non visibili. Ottenere un punto di vista obiettivo o una certezza assoluta su un costrutto mentale è teoricamente impossibile e, pertanto, contrastante con quello che è la scienza, materia in cui si palesa e si spiega tutto ciò che è dimostrabile fino a prova contraria. Ai giorni nostri sarebbe altamente riduttivo, se non imbarazzante, definire la psicologia come mera filosofia della mente visto che, grazie alle scoperte dell’ultimo millennio, siamo riusciti a misurare e a studiare il funzionamento del cervello in modo davvero profondo ed oggettivabile. Le neuroscienze, ad esempio, hanno dato un enorme contributo alla psicologia, permettendo di analizzare il comportamento delle aree cerebrali, dei neuroni, dei loro neurotrasmettitori e degli ormoni che influenzano la nostra fisiologia. Non meno importanti sono la statistica e la psicometria che, tramite la raccolta di dati psicologici su numerosi campioni di persone, riescono a determinare quali variabili siano più frequenti e quali invece più soggettive, aiutando a capire il modo di fare di un individuo, grazie all’uso della moda, della media e delle deviazioni standard.

Si ritiene che, in futuro, la psicologia diverrà una materia sempre più interessante e fondamentale per il raggiungimento della salute mentale e fisica delle persone: essendo una branca della medicina, infatti, rappresenterà un valido sostegno anche per le scienze sociali, in quanto sarà orientata al bisogno fondamentale dell’essere umano: il suo Benessere.

Editor: Niccolò Fallani Copyright: Federica Narducci

Edoardo
No Comments

Rispondi